Barriere architettoniche Normative Scuola

Barriere architettoniche nelle scuole: facciamo un po’ di chiarezza

Valeria Liso
Scritto da Valeria Liso

L’articolo 28 della legge 118/1971 prevede l’obbligo di rendere accessibile l’edificio scolastico in modo da poter garantire la frequenza scolastica a tutti.

Tale principio è ribadito anche dall’articolo 18 del DPR 384/1978, che impone di rendere accessibili gli edifici delle istituzioni pre-scolastiche e scolastiche (comprese le università e le altre istituzioni di interesse sociale nella scuola), adeguando le strutture interne ed esterne a degli standards indicati dal D.P.R. stesso.

Gli edifici pubblici e privati degli istituti scolastici d’ogni grado per essere accessibili devono prevedere almeno un percorso esterno che colleghi la viabilità pubblica all’accesso dell’edificio, dei posti auto riservati, la piena utilizzazione di ogni spazio anche da parte degli studenti con ridotte o impedite capacita motorie, ed almeno un servizio igienico accessibile.

In particolare per quanto riguarda gli edifici pubblici, gli arredi e le attrezzature didattiche (banchi, sedie, macchine da scrivere, spogliatoi, materiale Braille etc.) devono avere caratteristiche particolari per ogni caso di invalidità.

Nel caso di edifici scolastici a più piani senza ascensore la classe frequentata da un alunno non deambulante deve essere situata in un’aula al pianterreno e deve essere raggiungibile dall’esterno mediante un percorso continuo orizzontale, o in alternativa ad un ingresso con scale mediante un percorso raccordato con rampe.

Valutazione articolo
  • Completezza
  • Utilità
  • Facilità di lettura
4

Riassunto

Un buon articolo sulle barriere architettoniche nelle scuole

Sending
User Review
5 (2 votes)

Informazioni sull'autore

Valeria Liso

Valeria Liso

Valeria Liso, abogado, iscritta all'Ordine degli Avvocati di Bari nella Sezione Speciale Avvocati Stabiliti, si occupa di amministrazione di sostegno, tutela, disabilità e previdenza.
Ha moderato il seminario giuridico dal titolo "La tutela dei soggetti deboli: tra legge e prassi per l'amministratore di sostegno e il tutore", tenutosi presso l' Università Degli Studi di Bari - Dipartimento di Giurisprudenza - Aula Prof. Contento; è autrice dell'articolo "Down, una preziosa risorsa" e dell'articolo "Quale assistenza nelle nostre scuole", entrambi pubblicati sulla Gazzetta Del Mezzogiorno Nord barese.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis alla newsletter!

Non perdere i nostri aggiornamenti. Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter!
ISCRIVITI
close-link
Contattaci per qualsiasi informazione Ti risponderemo appena possibile!

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.